HOME
CIRCOLARI
MODULISTICA
LINK UTILI
CONTATTI
RISERVATA

by intopic

news


comunicazioni | FATTURA ELETTRONICA - Novità dal 1 luglio 2019 -  21-06-2019 

comunicazioni: FATTURA ELETTRONICA - Novità dal 1 luglio 2019 Si fa presente a tutta la clientela che, dal 1 luglio 2019, termina il periodo di moratoria delle sanzioni per l'invio tardivo delle fatture elettroniche. Dal 1 luglio 2019, pertanto, le fatture devono essere inviate al siestema di interscambio, entro 10 giorno dalla data di emissione. Superato il termine di 10 gg. si incorre nelle sanzioni previste dalle disposizioni vigenti. Si consiglia ai clienti di porre particolare attenzione ad effettaure gli invii.

(apassarelli)

   

comunicazioni | Interessi legali allo 0,8% dal 1° gennaio 2019 -  14-04-2019 

comunicazioni: Interessi legali allo 0,8% dal 1° gennaio 2019 Dal 1° gennaio 2019 il tasso di interesse legale, che per un anno è rimasto allo 0,3%, aumenterà allo 0,8%.
La variazione del tasso legale ha risvolti anche in ambito fiscale:
- in caso di ravvedimento operoso, il tasso legale da applicare è quello in vigore nei singoli periodi interessati; sarà quindi pari allo 0,3%, fino al 31 dicembre 2018 e allo 0,8% dall’1° gennaio 2019 e fino al giorno del ravvedimento;
- in caso di rateaizzazione delle somme dovute per effetto di istituti deflattivi del contenzioso (quali, adesioni agli inviti al contraddittorio o a PVC, accertamenti con adesione, acquiescenza all’accertamento, conciliazione giudiziale) la misura del tasso legale deve essere determinata con
riferimento all’anno in cui viene perfezionato l’atto di adesione, rimanendo costante anche se il versamento delle rate si protrae negli anni successivi (Agenzia delle Entrate, Circolare 21 giugno 2011, n. 28/E).

(apassarelli)

   

comunicazioni | ROTTAMAZIONE TER - SALDO E STRALCIO -  01-03-2019 

comunicazioni: ROTTAMAZIONE TER - SALDO E STRALCIO Si fa presente che, il 30 aprile 2019, scade il termine per aderire alla rottamazione ter ed al saldo e stralcio delle cartelle emesse dall'Agenzia della Riscossione (Ex Equitalia), per i carichi affidati all’Agenzia della Riscossione (Ex Equitalia) nel periodo intercorrente tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017. La rottamazione consente il pagamento del solo tributo dovuto, azzerando sanzioni ed interessi. Il saldo e stralcio prevede il pagamento dei soli tributi, in misura ridotta sulla base delle risultanze dell'ISEE, che, deve essere inferiore ai 20 mila euro. Si consiglia di recarsi presso gli uffici dell'Agenzia della Riscossione e farsi rilasciare un estratto conto delle cartelle

(apassarelli)

   

comunicazioni | ROTTAMAZIONE BIS PROROGA DELLE RATE NON PAGATE -  29-11-2018 

comunicazioni: ROTTAMAZIONE BIS PROROGA DELLE RATE NON PAGATE Le rate non versate della rottamazione bis possono essere pagate entro il 7 dicembre 2018. Un provvedimento nato per consentire ai contribuenti di far confluire la parte residua del debito nella rottamazione ter. Con la chiusura contabile al 31 dicembre chi ha pagato le rate della rottamazione bis, potrà spalmare la parte debitoria avanzata pari a circa il 20% in 5 anni, usufruendo di un tasso d'interesse del 0,03% annuo.

(apassarelli)

   

comunicazioni | IMU E TASI -  28-11-2018 

comunicazioni: IMU E TASI Si ricorda ai clienti dello studio che, il giorno 17 dicembre 2018, scade il termine per il versamento del saldo 2018 relativo alla TASI e all'IMU. Coloro che, hanno avuto variazioni, rispetto al semestre precedente, nel possesso di fabbricati (acquisto, vendita) o variazioni di rendita, sono pregati di comunicarlo allo studio, al fine di procedere con i calcoli in maniera corretta. Si ringrazia per la collaborazione

(apassarelli)

   

comunicazioni | COMPENSAZIONI F24 SOSPETTE -  05-09-2018 

comunicazioni: COMPENSAZIONI F24 SOSPETTE Con il provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate del 28.08.2018, sono stati stabiliti i criteri e le modalità di attuazione dell'art. 1, c. 90 D.L. 27.12.2017, n. 205 riguardanti la sospensione dell'esecuzione delle deleghe di pagamento in compensazione, che necessitano di un controllo preventivo. Per facilitare il lavoro di controllo preventivo, infatti, dal 24.04.2017, vige l'obbligo di utilizzare esclusivamente i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto dell'intera delega di pagamento. Pertanto i possessori di partite IVA devono inoltrare il pagamento del modello F24 esclusivamente tramite i servizi dell'Agenzia delle Entrate, qualora contengano pagamenti in compensazione con qualsiasi tipologia di credito e per qualunque importo. È evidente che l'utilizzo in compensazione dei crediti tributari trova sempre più una serie di limitazioni volte a contrastare sia l'utilizzo dei crediti inesistenti, sia la presenza di eventuali debiti iscritti a ruolo, di cui all'art. 31, c. 1 D.L. 78/2010, che hanno la precedenza per la compensazione tramite il modello RUOL.
In base al provvedimento in esame, i modelli F24 che presentano profili di rischio sono selezionate per l'applicazione della procedura di sospensione secondo la tipologia dei debiti pagati, dei crediti compensati e la valutazione della coerenza dei dati riportati nel modello stesso.
Nella fase di controllo automatizzato del pagamento in compensazione, ritenuto sospetto, l'Agenzia delle Entrate comunica al contribuente, mediante una ricevuta, la sospensione della delega e la data di fine del periodo di sospensione, che non può essere maggiore di 30 giorni rispetto alla data di invio del modello F24.
La sospensione riguarda l'intero contenuto della delega di pagamento e durante questo periodo non viene effettuato l'addebito sul conto corrente indicato, nel file telematico dell'eventuale saldo positivo del modello F24. In tale fase, comunque, il contribuente può richiedere l'annullamento dell'intera delega di pagamento, secondo le ordinarie procedure telematiche messe a disposizione dall'Agenzia delle Entrate.
Prima che intervenga lo scarto, se il contribuente, ritenesse opportuno, può inviare all'Agenzia delle Entrate tutti chiarimenti utili per lo sblocco della delega di pagamento e riguardanti il controllo dei crediti precedentemente utilizzati. Infatti, i modelli di pagamento contenenti le compensazioni “sospette” vengono selezionati per valutare la coerenza dei dati indicati nel modello F24 con i dati presenti nell'Anagrafe Tributaria.
Qualora, invece, dall'esito del controllo, il credito risulti correttamente utilizzato, trascorsi i 30 giorni dalla data di presentazione della delega di pagamento, la delega viene eseguita e le compensazioni e i versamenti in essa contenuti sono considerati effettuati alla data stessa della loro effettuazione. Invece, se emergono errori, la delega di pagamento non è eseguita e i versamenti e le compensazioni si considerano non effettuati

(apassarelli)

   

comunicazioni | Decreto dignità -  11-08-2018 

comunicazioni: Decreto dignità Con l'approvazione definitiva del decreto dignità, si conferma l'esonero contributivo per favorire l'occupazione giovanile: fino al 2020, i datori di lavoro privato che assumono giovani under-35 con contratti di lavoro a tempo indeterminato, a tutele crescenti, potranno beneficiare dello sgravio contributivo pari al 50% introdotto dalla legge di Bilancio per quanti riguarda i contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per il medesimo rapporto. La riduzione è applicata su base mensile, per un periodo massimo di 36 mesi; la misura massima della riduzione, esclusi i premi e contributi relativi all'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, è pari a 3.000 euro su base annua. L'incentivo, che dovrà essere dettagliato con successivi provvedimenti, potrà essere utilizzato anche dalle famiglie per l'assunzione di colf, baby sitter o badanti, purché under-35.

(apassarelli)

   

comunicazioni | Legge Bilancio 2018: nuove assunzioni giovani -  11-02-2018 

comunicazioni: Legge Bilancio 2018: nuove assunzioni giovani Nuove assunzione giovani
Dal 1 gennaio 2018 è possibile assumere un giovane con meno di 35 anni (30 a partire dal 2019) usufruendo di agevolazioni contributive. Il datore infatti potrà usufruire, per 36 mesi, di una riduzione dei contributi previdenziali (escluso il premio Inail) pari al 50%, con un tetto massimo di 3mila euro annui, mensilizzati ai fini del calcolo. Per il 2018, l’agevoalzione riguarderà l’assunzione a tempo indeterminato di ragazzi under 35 (che non hanno mai avuto prima rapporti d’impiego stabili). Invece da gennaio 2019, l’esonero sarà limitato agli inserimenti “fissi” dei giovani fino a 29 anni.
Sempre da gennaio, sarà possibile ottenere l’esonero contributivo fino al 100% – e quindi per l’intero carico previdenziale e non solo per metà – in altri due casi e sempre con un tetto annuo massimo di 3mila euro:
con la sottoscrizione di un contratto a tutele crescenti di ragazzi che hanno svolto alternanza (almeno il 30% del totale delle ore previste) o periodi di apprendistato di primo o di terzo livello
nelle regioni meridionali, con la proroga nel 2018 del bonus Sud (costo circa 500 milioni di fondi UE). Qui però l’esonero pieno varrà per un solo anno, e interesserà giovani e disoccupati “senior” .

(apassarelli)

   
cerca news |
RSS  


Studio A.Passarelli
P.IVA: 01832890600 CF PSSDRN61S30C413E
Via Gaeta, 40 - 03023 Ceccano (FR)
Tel: +39.0775604053
Cell: +39.3389879029
email: info@adrianopassarelli.it
Iscritto all'ordine dei Dottori Commercialisti ed esperti contabili di Frosinone nella sez. A Commercialisti al n. 143.