HOME
CIRCOLARI
MODULISTICA
LINK UTILI
CONTATTI
RISERVATA

by intopic

news


comunicazioni | COMPENSAZIONI F24 SOSPETTE -  05-09-2018 

comunicazioni: COMPENSAZIONI F24 SOSPETTE Con il provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate del 28.08.2018, sono stati stabiliti i criteri e le modalità di attuazione dell'art. 1, c. 90 D.L. 27.12.2017, n. 205 riguardanti la sospensione dell'esecuzione delle deleghe di pagamento in compensazione, che necessitano di un controllo preventivo. Per facilitare il lavoro di controllo preventivo, infatti, dal 24.04.2017, vige l'obbligo di utilizzare esclusivamente i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto dell'intera delega di pagamento. Pertanto i possessori di partite IVA devono inoltrare il pagamento del modello F24 esclusivamente tramite i servizi dell'Agenzia delle Entrate, qualora contengano pagamenti in compensazione con qualsiasi tipologia di credito e per qualunque importo. È evidente che l'utilizzo in compensazione dei crediti tributari trova sempre più una serie di limitazioni volte a contrastare sia l'utilizzo dei crediti inesistenti, sia la presenza di eventuali debiti iscritti a ruolo, di cui all'art. 31, c. 1 D.L. 78/2010, che hanno la precedenza per la compensazione tramite il modello RUOL.
In base al provvedimento in esame, i modelli F24 che presentano profili di rischio sono selezionate per l'applicazione della procedura di sospensione secondo la tipologia dei debiti pagati, dei crediti compensati e la valutazione della coerenza dei dati riportati nel modello stesso.
Nella fase di controllo automatizzato del pagamento in compensazione, ritenuto sospetto, l'Agenzia delle Entrate comunica al contribuente, mediante una ricevuta, la sospensione della delega e la data di fine del periodo di sospensione, che non può essere maggiore di 30 giorni rispetto alla data di invio del modello F24.
La sospensione riguarda l'intero contenuto della delega di pagamento e durante questo periodo non viene effettuato l'addebito sul conto corrente indicato, nel file telematico dell'eventuale saldo positivo del modello F24. In tale fase, comunque, il contribuente può richiedere l'annullamento dell'intera delega di pagamento, secondo le ordinarie procedure telematiche messe a disposizione dall'Agenzia delle Entrate.
Prima che intervenga lo scarto, se il contribuente, ritenesse opportuno, può inviare all'Agenzia delle Entrate tutti chiarimenti utili per lo sblocco della delega di pagamento e riguardanti il controllo dei crediti precedentemente utilizzati. Infatti, i modelli di pagamento contenenti le compensazioni “sospette” vengono selezionati per valutare la coerenza dei dati indicati nel modello F24 con i dati presenti nell'Anagrafe Tributaria.
Qualora, invece, dall'esito del controllo, il credito risulti correttamente utilizzato, trascorsi i 30 giorni dalla data di presentazione della delega di pagamento, la delega viene eseguita e le compensazioni e i versamenti in essa contenuti sono considerati effettuati alla data stessa della loro effettuazione. Invece, se emergono errori, la delega di pagamento non è eseguita e i versamenti e le compensazioni si considerano non effettuati

(apassarelli)

   
cerca news |
RSS  


Studio A.Passarelli
P.IVA: 01832890600 CF PSSDRN61S30C413E
Via Gaeta, 40 - 03023 Ceccano (FR)
Tel: +39.0775604053
Cell: +39.3389879029
email: info@adrianopassarelli.it
Iscritto all'ordine dei Dottori Commercialisti ed esperti contabili di Frosinone nella sez. A Commercialisti al n. 143.